Il culo di Megan Fox e il processo creativo

Quando si parla un’opera d’arte prevede l’impiego di più discipline (come nel caso del teatro, del cinema o del fumetto) spesso ci si domanda quale sia la più importante, se il testo, la musica, la componente grafica o la messa in scena. La risposta a questa domanda è più complessa di quanto si possa pensare. Esistono opere che hanno un libretto disgraziato ma una musica meravigliosa, film che hanno un copione imbarazzante ma degli interpreti straordinari, fumetti che puntano tutto sulla bellezza dei disegni e via discorrendo. Anche se l’opera ideale è probabilmente quella in cui tutte le parti concorrono a formare un prodotto perfetto, credo sia innegabile che ci sono spettacoli che si fondano su un unico elemento.
Un esempio è un film del 2009 intitolato “Jennifer’s body”. Lo scopo (dichiarato) di questo film era uno solo: consacrare Megan Fox come icona sexy generazionale. Continua a leggere “Il culo di Megan Fox e il processo creativo”

Il culo di Megan Fox e il processo creativo

Le tette di Natalie Martinez sono prive di spessore

Di recente ho recensito su questo blog il film “Baywatch” di Seth Gordon. Naturalmente ho dato un’occhiata anche alle altre recensioni reperibili sul web e mi sono trovato di fronte a frasi di questo tipo:

“Baywatch” ha il pregio di aver evitato eccessi sessisti verso le sue protagoniste, che rimangono in costume o abiti leggeri ma pur sempre vestite.

In primis si deve sottolineare che più di un film trattasi di un telefilm lungo , con tempi e sceneggiatura televisivi e dialoghi parimenti improntati ad una volgarità discretamente divertente e per una volta sessista non nei confronti del genere femminile ma verso il maschile.

Insieme a “buonista” e “analfabeta funzionale”, “sessista” è una delle espressioni più usate a sproposito al giorno d’oggi. Tanto che viene spontaneo pensare al buon vecchio Inigo Montoya e alla sua storica frase: “Dici sempre esta parabla. No creo que vol decir quello che pensi tu”.
Stando al dizionario il termine “sessismo” indica la “tendenza a valutare la capacità o l’attività delle persone in base al sesso ovvero ad attuare una discriminazione sessuale”, e davvero non si capisce in che modo tale discriminazione potrebbe essere effettuata mostrando le tette di un personaggio. Dipenderà dal fatto che così facendo il personaggio viene ridotto a un oggetto privo di spessore?
C’è una cosa che molte persone dimenticano a questo proposito, ed è che a rendere insignificante un personaggio non è il fatto che la sua funzione sia eccitare lo spettatore ma il suo essere passivo. Continua a leggere “Le tette di Natalie Martinez sono prive di spessore”

Le tette di Natalie Martinez sono prive di spessore