Quei commenti noiosi e ripetitivi contro Roberto Benigni

ANSA/ TV: RIECCO BENIGNI, CON TUTTODANTE IN PRIMA SERATA SU RAI2

È vero. Roberto Benigni, come comico, non fa un monologo decente dal ’96 (anno del tour “Tuttobenigni 95/96”). Come regista non tira fuori un film decente dal ’97 (forse addirittura del ’94, anno di uscita de “Il mostro”). Come divulgatore segue sempre la stessa formula, qualche volta efficace e qualche volta no, che consiste nel fare qualche fiacca battuta sulle più recenti vicende politiche per poi passare a leggere qualcosa (che si tratti di Dante, dell’Inno di Mameli, della Costituzione o delle istruzioni della lavastoviglie) con entusiasmo non sempre genuino.
È vero anche che da qualche anno Benigni ha fatto del buonismo il suo marchio di fabbrica e che continua ad atteggiarsi a “scheggia impazzita” senza esserlo più probabilmente da molto tempo.

Va bene.

Però, Cristo santo, non è possibile che ogni volta che si parla di Benigni si debbano sentire sempre gli stessi commenti!
Eccone alcuni che ho letto nei giorni precedenti alla messa in onda su RAIUNO della prima parte del suo nuovo spettacolo “I dieci comandamenti”.

sto deficiente….. faceva il ganzo contro berlusconi, ora che l’ebete ne segue le orme sta zitto e fa battute che nemmeno fanno più ridere

Quando B. faceva porcate tutti addosso ferocemente, ma ora le fa Renzi quindi zitti. se sono porcate sono porcate sempre.

Ma questo non era colui il quale difendeva a spada tratta la Costituzione (quando la voleva modificare il nano)? E adesso?? Gli s’è spuntata la spada?? Buffone, di corte.

Venduto…

L’unica cosa che non è cambiata è il tuo cachet

gli intellettuali di sinistra,quelli che fanno finta di essere di sinistra,ma sono snob e non si mescolano alla gente comune.Questa categoria è una delle peggiori !

mi chiedo berlinguer in che occhio ti avrebbe sputato, tu e la tua satira ammortata al comodo…

Non è più un comico è diventato un buffone, venduto per 30 denari

Servo!

sta a vedere che il suo amico Renzie gli fara fare sicuro qualche spettacolo in RAI dietro compenso milionario si intende

Ruffiano leccaculo!!!!

a proposito di modifica…..hai dato i soldi promessi all’ospedale pediatrico di firenze??

schifoso faceva il sinistroide al tempo di berlusca adesso fa lo struzzo

sei un una persona non credibile ritirati a casa tua nel cesenate

L’ho sempre pensato che quest’essere sia stato sopravvalutato. Adesso diventa evidente tutto il suo opportunismo.

beh…s’è sbilanciato parecchio eh ?…bei contrattini RAI TVe…i dieci comandamenti…buonismo…due risate….e voti della gran parte dei cattolici…bravi bravi….

Vaffanvulo prezzolato. Ormai fai solo piangere.

ha bisogno di altri soldi venduto

sono tutti uguali vanno dove tira il vento se ne fottono del popolo , loro stanno bene …??’ ke kazzo ce ne frega di sti poveracci ,ridi ridi tanto siamo noi ke la paghiamo.

Vergognarsi un tantino, no eh! Buffone.

Questo lacchè ogni tanto spunta per batter cassa?

BENIGNI, PERCHÉ NON PARLI PIÙ DELLA COSTITUZIONE? SEI UN BUFFONE DEL PD

un altro pagliaccio sinistroide e finto moralista

Venduto. Servo. Dipendente del Pd. Siete complici anche voi di questo sfascio nazionale. VERGOGNA BENIGNI !

Sei un venduto schifoso, stai muto…

Distruggono la costituzione e tu ridi e scherzi !

intanto benigni sostiene Renzi e il PD…. E’ un autentico giullare alla corte di re Giorgio e del suo ciambellano Renzie.

il ritorno il buffone di turno del pd schifosoooooooooooooooo

Sempre le stesse accuse, ripetute sempre con le stesse parole, come un rosario. E poi, ovviamente, l’immancabile accusa di essere un uomo “col cuore a sinistra e il portafogli a destra”.

Hai perso credibilità Benigni. Vai a portare le borse a Renzie, ex-uomo-di-sinistra con i compensi da uomo-di-destra!

Vorrei sapere una cosa. Ma voi che scrivete queste cose di preciso di che cosa accusate Benigni?
Di essere pagato per quello che fa? E perché un intrattenitore dovrebbe lavorare gratis?
Di non essere feroce e ribelle nei confronti del governo? Ma secondo voi che cazzo dovrebbe fare il pover’uomo? Buttarsi addosso a Napolitano imbottito di tritolo?

In realtà credo che molte persone accusino Benigni di essere ormai la pallida imitazione di quello che era un tempo. Effettivamente ai tempi di “Onda Libera” Benigni era molto più interessante di adesso, ma bisognerebbe tenere conto di un paio di cose.

Prima di tutto ogni artista ha una sua evoluzione. Continuare a fare le stesse cose per tutta la vita è squallido. Basti pensare alla depressione di massa causata da Cochi e Renato quando hanno riproposto i loro vecchi sketch qualche anno fa.
L’errore di Benigni non è tanto quello di aver cambiato il suo modo di fare intrattenimento, semmai è, al contrario, l’aver tentato di continuare a fare certe cose nonostante ormai non siano chiaramente più né nelle sue corde né di suo interesse. Per esempio, durante una lectura Dantis di Benigni il momento più edificante e quello portato avanti con maggior trasporto da parte dell’attore è senza dubbio la spiegazione del canto. Il monologo sull’attualità che la precede è chiaramente una cosa messa lì tanto perché il pubblico se la aspetta, noiosa per chi la fa quanto per chi la ascolta.

Poi tenete conto del fatto che la televisione di una volta era molto più intelligente. No, questo non è passassimo. È un fatto. Un talk-show di trent’anni fa, o anche un semplice programma di intrattenimento, è molto più intelligente rispetto a uno di oggi. Guardate le registrazioni se non mi credete.
Per questo motivo Benigni si sarebbe forse potuto ritirare dalle scene televisive. Un altro famoso intellettuale di sinistra, Francesco Guccini, l’ha fatto. Francamente, però, non me la sento di condannarlo per essere rimasto, anche perché parliamo di una presenza episodica (due o tre serate all’anno, sempre con ascolti record).

Inoltre non so che idea si siano fatti i suoi ex-fan ormai delusi della presenza di Benigni nella TV di trent’anni fa ma probabilmente si tratta di un’idea esagerata. Le apparizioni televisive di Benigni non sono mai state all’insegna degli anatemi contro questo o quell’uomo di governo.
Inoltre in questi giorni ho sentito molta gente lamentarsi perché uno come Benigni secondo loro non dovrebbe parlare di religione in termini encomiastici. In realtà Benigni non è neanche mai stato un mangiapreti. I suoi discorsi su Dio, Gesù, la Madonna e tutto il resto dell’apparato divino-cristiano, fin dai tempi de “Il pap’occhio” e persino di quelli di “Berlinguer ti voglio bene” sono sempre stati quelli che sono oggi: indifferenti nei confronti della Chiesa e spiritualmente ottimisti nei confronti della religione, vista come una cosa a sé stante.

Per concludere, quindi, credo che chi scrive certi commenti dovrebbe ritrovare il senso della realtà e capire che molte persone vogliono semplicemente fare il proprio lavoro senza necessariamente essere al soldo del PD, della Coop o di Pincopallino. Roberto Benigni è una di queste.

Annunci
Quei commenti noiosi e ripetitivi contro Roberto Benigni

Un pensiero su “Quei commenti noiosi e ripetitivi contro Roberto Benigni

  1. Il pezzo è condivisibile in massima parte, soprattutto rispetto alle critiche più ‘politiche’ mosse a Benigni e a quelle di portafoglio e cuore: se viene pagato molto bene per lui e bene fa a centellinarsi, consapevole probabilmente di stare raschiando il fondo già da un pezzo. Il punto però, forse solo accennato nel suo scritto, è che Benigni non fa più ridere ne’ pensare ne’ fa nulla di, appunto, interessante, dall’ultimo film girato con Jarmush per me, con l’unica eccezione di ‘La vita è bella’ che pur dovendo il 50% delle royalties a Lubitsch e Chaplin, è un film inaspettatamente solido, divertente, toccante e intelligente a differenza delle farse precedenti, spassose ma artisticamente alla stessa stregua dei peggiori film di Totò, cioè una collezione di sketches tenuti insieme da una esilissima pretesa narrativa copiata e incollata da classici della commedia in bianco e nero. Dunque, la caterba un po’ irritante per omologazione delle critiche a Benigni in buona sostanza è completamente giustificate, magari espressa senza tanto potere di analisi, ma sacrosanta. Diciamo che da chi ha fatto quello che ha fatto in passato non ce lo si sarebbe mai aspettato, ben venga il cambiamento, ma per il meglio o per il silenzio allora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...