Terza Settimana di Vignette Antifemministe: agli stalker, dove il rogo arse

NOTA: Questo articolo è il remake di un articolo di un anno fa, qui pubblicato in forma ridotta per venire incontro alle vostre capacità mentali. [cit.]

Molti dicono che non importa quali siano le ragioni di uno stalker. La violenza sulle donne va condannata sempre e comunque. Chi si dovesse azzardare a analizzare i fenomeni di violenza, quindi, o addirittura di aggiungere a termini come “violenza”, “stupro” o “molestia” espressioni come “sospetto”, “da dimostrare”, “presunto” sarebbe quindi un eretico e ogni sospetto nei suoi riguardi sarebbe lecito.

Esistono due tipi di stalking: quello costituito dalle molestie perpetrate allo scopo di rompere i coglioni e lo stalking di chi chiede qualcosa.
Il secondo è definito stalking dalla legge in vigore, ma non si può definire stalking“Stalking” è rompere i coglioni a qualcuno con gesti molesti o con parole a cui non si può rispondere. Per esempio, se io tirassi un sasso a qualcuno, o gli urlassi “Stronzo.”, sarei uno stalker. Come potrebbe difendersi questo? Al massimo potrebbe tirarmi un sasso a sua volta o urlarmi “stronzo” anche lui, occhio per occhio. Invece fare una domanda, un commento, un apprezzamento… dire parole o compiere gesti, insomma, a cui deve seguire una risposta, non è stalking.

Sarò reazionario, ma secondo me i discorsi, anche sotto forma di provocazione, sono leggermente più costruttivi della violenza, leggermente più civili e leggermente più intelligenti.
Secondo quale principio giudichiamo “intelligente e doverosa” una provocazione (come, per esempio, la costruzione del monumento a Giordano Bruno da cui prende il titolo questo articolo) e “illegale, illecita, immorale” un’altra? Rispondiamo a questa domanda e potremmo accusare qualcuno di stalking.

Ovviamente in Italia, dove la Lega dice “Padroni a casa nostra” al Nord e la Mafia dice “Fatti i cazzi toi” al Sud, con la legge anti-stalking ci andiamo a nozze. Che bello! Una legge che ci permette di curare il nostro orticello privato sparando a vista su chiunque si avvicini! Nella patria del campanilismo, quanti avranno pensato queste parole?
La legge anti-staling è deresponsabilizzante, e poteva trovare terreno fertile solo in un’epoca deresponsabilizzante.

Il femminismo fa sempre ciò che dice di voler evitare. Ed è proprio la legge anti-stalking, che dice di voler combattere una mentalità in cui la donna è oggetto del possesso, a essere basata su un’ottica in cui la donna appartiene all’uomo. Non è più, infatti, un confronto tra persone, il rapporto tra uomo e donna, ma un accordo tra parti. Una legge per la difesa della proprietà.
È giusto, infatti, difendere le donne, è giusto difendere tutti, ma che difesa è quella che tratta un essere umano come un territorio da difendere? La difesa del pesce grosso che suggerisce al pesce piccolo di non abboccare all’amo perché vuole mangiarselo lui? Quella non si chiama difesa, si chiama conquista, colonizzazione, missione di pace (in tempi più recenti). La vera difesa dei cittadini esige la loro partecipazione. Voi, invece, quando qualcuno chiede la vostra partecipazione, che fate? Lo accusate di stalking. Accusate di furto chi vi toglie le catene e salutate come liberatori quelli che vogliono colonizzarvi.

Concludo l’articolo dicendo che, anche se non si direbbe, sono ottimistaIl progresso gioca contro questa mentalità. Lo ha sempre fatto. Così come non siamo riusciti a negare che la Terra giri intorno al Sole bruciando gli eretici, perché mentre negavamo l’evidenza il progresso inventava i telescopi, non riusciremo a negare l’esistenza di un mondo oltre il nostro recinto, oltre i giri che ci costruiamo, oltre i legami di sangue e di patria su cui facciamo tanto affidamento, perché, mentre tentiamo di farlo, il progresso inventa mezzi di comunicazione sempre più potenti.

Tutela

 
Annunci
Terza Settimana di Vignette Antifemministe: agli stalker, dove il rogo arse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...