Parla la primadonna dell’apertura della stagione bergamasca Maria Agresta

Potresti presentarti ai lettori del blog?

Prima di tutto, ti posso dire che questa passione, che io considero una passione e non una professione, ce l’ho da quando ero piccolina. All’età di undici anni ho ascoltato (magari con l’attenzione più consona alla circostanza) la banda musicale che veniva a suonare nel mio paese [Vallo della Lucania, SA] in occasione della festa patronale varie ouverture di opere diverse. Mi ricordo che, ascoltando “La forza del destino”, cominciai a avere la pelle d’oca; successivamente ho ascoltato “Cavalleria Rusticana” e c’è stato proprio un momento di commozione estrema, pur avendo soltanto undici anni. Continua a leggere “Parla la primadonna dell’apertura della stagione bergamasca Maria Agresta”

Parla la primadonna dell’apertura della stagione bergamasca Maria Agresta

Apertura trionfale per il Festival Donizetti

 Qualche giorno fa, si è aperta la stagione lirica bergamasca con l’opera “Gemma di Vergy”, affidata alla regia di Laurent Gerber e Alfonso Liguori e alla bacchetta di Roberto Rizzi Brignoli.

Il taglio molto classico dato allo spettacolo è stato, sia pur blandamente, criticato, parlando di “regia che non osa”, ma io mi sento di difenderlo completamente, poiché è meglio allestire una regia di alabardieri e dare l’impressione di avere poco da dire piuttosto che allestirne una di nazisti e togliere ogni dubbio.

È vero che quell’idea molto carina della scena delle ombre su telo bianco mi aspettavo sarebbe stata sfruttata un po’ di più, dopo averne sentito parlare con entusiasmo alla presentazione dello spettacolo. È vero che i movimenti di scena sono stati (lo si vede chiaramente nel quartetto del secondo atto e nella scena che lo precede) forse limitati dalle scelte registiche, ma si è comunque dato un taglio chiaro e preciso allo spettacolo. Continua a leggere “Apertura trionfale per il Festival Donizetti”

Apertura trionfale per il Festival Donizetti

L’apertura della stagione lirica bergamasca raccontata da uno dei protagonisti, Mario Cassi

Una breve presentazione per i lettori del blog.
Mario Cassi, cantante baritono. Sono da dieci anni in giro per i teatri di mezzo mondo. Ho cominciato per passione, dalla passione è nato il lavoro, un lavoro tutto fondato sullo studio, sulla dedizione a questo mestiere molto antico, molto difficile, soprattutto per le situazioni economiche e culturali di oggi.

Hai un rapporto molto profondo con il principale teatro bergamasco, dove hai cantato molte volte, soprattutto in ruoli donizettiani. Per te cosa significa aprire la stagione qui e con questo titolo?
Un grande onore e un piacere. Ma è anche un onere, una grande responsabilità, perché Donizetti è per me il compositore a cui sono legati i momenti più importanti della mia carriera. Ho iniziato il mio rapporto con Riccardo Muti, con cui ho tutt’ora un rapporto abbastanza stabile, proprio cantando “Don Pasquale” di Donizetti. L’abbiamo fatto a Ravenna la prima volta, poi l’abbiamo portato in giro per il mondo, al Musikverein di Vienna, a Mosca, a San Pietroburgo, a Parigi, Colonia… il rapporto con Donizetti è strettissimo. La mia voce si adatta molto bene alle esigenze della scrittura donizettiana, e sicuramente il Festival Donizetti, qui a Bergamo, almeno per me, rappresenta un po’ il punto d’arrivo più importante, per un cantante donizettiano. Un po’ come il festival rossiniano per un cantante rossiniano. Continua a leggere “L’apertura della stagione lirica bergamasca raccontata da uno dei protagonisti, Mario Cassi”

L’apertura della stagione lirica bergamasca raccontata da uno dei protagonisti, Mario Cassi

È iniziata la stagione lirica al Donizetti di Bergamo

Tra due ore si aprirà la stagione lirica bergamasca, con la “Gemma di Vergy”, opera seria scritta da Donizetti per il pubblico scaligero, e che debuttò nel 1834.
Come ogni anno, uno degli obiettivi della stagione sarà quello di diffondere l’opera, ancora in gran parte sconosciuta al grande pubblico, del maestro bergamasco. Oltre alla già citata “Gemma di Vergy”, difatti, verrà rappresentata, ad ottobre, la “Maria di Rohan”.

Eccovi un elenco delle produzioni di cui seguirò le vicessitudini nei prossimi mesi.

“Maria di Rohan” – 7 e 9 ottobre

“La Cecchina, ossia la buona figliuola” – 18 e 20 novembre

“Madama Butterfly” – 25 e 27 novembre

“La Cenerentola” – 10 e 11 dicembre

“Lo schiaccianoci” – 23 e 24 dicembre

È iniziata la stagione lirica al Donizetti di Bergamo